Archivi categoria: AZIENDA

Ratti collabora con l’associazione Go5 – per mano con le donne

Go5, associazione no profit nata dalla volontà di un gruppo di ex pazienti dell’Istituto dei tumori di Milano, ha come obiettivo principale quello di finanziare progetti e iniziative per accompagnare e seguire le pazienti dell’istituto, aiutandole a risolvere i problemi che potrebbero insorgere con la malattia cercando di rendere più leggero il loro percorso.

Tra i progetti sposati da Go5 quest’anno, c’è “il Filo d’Arianna”:  un’iniziativa ideata in collaborazione con un’equipe di psicologi ed oncologi dell’Istituto Nazionale dei Tumori e dedicata alle donne colpite da tumore metastatico al seno, per aiutarle a ritrovare quell’equilibrio necessario per continuare a condurre una vita normale.

Ratti, ha partecipato concretamente al progetto mettendo a disposizione i propri tessuti che sono stati utilizzati dalle detenute del reparto di alta sicurezza di Vigevano in collaborazione con Caritas per realizzare borse, turbanti ed altri accessori disegnati da Helen Field ed il cui ricavato è stato donato all’associazione

Online la V edizione del Bilancio di Sostenibilità

È online il nostro quinto bilancio di sostenibilità, un documento che rappresenta un report trasparente, realizzato secondo un modello che vuole mettere in evidenza l’alta qualità delle relazioni esistenti tra il nostro Gruppo ed i suoi portatori d’interesse, nell’ambito di un contesto che trova concretezza negli aspetti economici, sociali ed ambientali.

Pubblicando questo nuovo bilancio di sostenibilità, vorremmo sottolineare come questo documento sia diventato, anche dal punto di vista culturale, un momento significativo perché descrive come i risultati e le iniziative siano frutto di un gioco di squadra.

Come per le scorse edizioni, il nuovo bilancio sarà a disposizione sul nostro sito oltre attraverso una versione sfogliabile ed una versione pdf scaricabile. 

Scoprilo qui !

Rdomus presenta la nuova collezione homedecor a Proposte

In occasione della XXIX edizione dei Proposte, l’ufficio design di Ratti Domus ha trovato ispirazione nei versi degli Haiku giapponesi inneggianti la natura. I componimenti, così come i nuovi tessuti, si presentano all’apparenza semplici, traendo invece forza dalle suggestioni e dai colori dei giardini nelle diverse stagioni.

Dopo un periodo di buio, è questa una rilettura essenziale della creatività, dove la natura è pronta a rinascere, intrecciandosi in maniera onirica tra i filati di lino e cotone, in cui ogni stampa compone nuovi valori cromatici a formare una nuova vibrante gamma di tinte. Se haiku può essere tradotto come “il colore del verso”, lo stesso vale per le cromie dei nuovi tessuti: il rosso acceso si unisce al verde acqua, mentre il rosa si concede all’arancio tra dense pennellate di viola a testimonianza di quella ricchezza mista alla capacità di cogliere l’intima bellezza e fantasia che solo in natura si trova.

Ogni tessuto Ratti Domus, proprio come un haiku, possiede una bellezza immediata, naturale ma in realtà frutto di un’ispirazione profonda oltre che un lungo ed inteso lavoro per giungere a rappresentare la raffinatezza e l’eleganza in ogni sua forma. La continua innovazione tecnologica unita allo studio stilistico e progettuale sia in tessitura che in fase di stampa hanno permesso di ottenere un deciso progresso nella tecnicità dei tessuti che risultano più versatili grazie al connubio tra performance e comfort senza compromettere le peculiarità stilistiche.

In questo giardino, la nuova collezione Ratti Domus rappresenta una riflessione colta, non solo riguardante i materiali sostenibili ma, anche, sul concetto di design come messaggio di concretezza e ottimismo verso il futuro.

Bilancio di Sostenibilità: nuovo riconoscimento per Ratti

Ratti premiata ancora una volta per il  Bilancio di Sostenibilità. 

Un’iniziativa comune di Corriere della Sera, Bologna Business School con Aiccon, ha valutato e premiato le 74 aziende che hanno raccontato meglio impegni e prestazioni non finanziarie. Focus dell’analisi è stato il processo di redazione del bilancio di sostenibilità e della sua capacità di essere trasparente, chiaro e capace di comunicare efficacemente la strategia di sostenibilità a tutti gli stakeholder.

Leggi QUI l’articolo uscito sulle pagine Buone Notizie de Il Corriere della Sera. 

Un nuovo impegno per Ratti – The Fashion Pact

Ratti ha scelto di aderire a The Fashion Pact, coalizione globale di aziende della moda e del tessile, convita che l’impegno collettivo delle imprese ed esperti sia una risorsa fondamentale per il miglioramento delle prestazioni ambientali.


Ratti, insieme alle aziende firmatarie, si impegna a raggiungere zero-net emissioni di carbonio nell’atmosfera entro il 2050 attraverso la protezione e la tutela delle biodiversità oltre che attraverso l’eliminazione della plastica superflua e l’adozione di plastica riciclata negli imballaggi.

Nuova collaborazione per Ratti

 

Creativamente provocante, sostenibile e made in Italy. La nuova collezione “Lagos Edition” ispirata alle opere dell’artista africana Yega, segna l’inizio della collaborazione tra Ratti e Mirella Broggi Daughters, mettendo in risalto le somiglianze tra culture senza per questo omologarle, dimostrando invece che le differenze possono convivere nella condivisione di valori e tradizioni comuni.

Colori e sperimentazioni, trovano nella seta e nell’arte della stampa di Ratti il perfetto mix per dar vita ad un turbinio di variazioni creative in cui l’arte nigeriana e 7 preziosi dipinti di Yega trovano una nuova espressione stilistica. Una collezione evocazione di queste atmosfere che, attraverso la seta, valorizza i colori sabbiati, gli ocra ed una gamma infinita di tonalità di rosso.

Opulenza e tecnica, così come stravaganza e precisione si fondono in una collezione di tessuti base per chimoni e kaftani che raccontano immagini ed atmosfere intrise degli elementi più caratteristici della cultura visuale nigeriana.

 

TCLF Pact for Skills: le persone al centro della competitività di settore.

Ratti e altre 117 organizzazioni hanno firmato in data 16 dicembre il TCLF Pact for Skills, iniziativa promossa dalla Commissione Europea e coordinata da EURATEX.

I firmatari di questo Patto riconoscono la sfida delle competenze nell’ecosistema tessile e si impegnano a investire nella riqualificazione dei lavoratori, integrando competenze green e digital e beneficiando del networking e delle risorse offerte dalla CE.

L’obiettivo principale del patto è massimizzare l’impatto degli investimenti nel miglioramento delle competenze esistenti e nella formazione di nuove competenze, per aumentare l’attrattività del settore.

Per raggiungere questo obiettivo, il Patto riunisce vari attori nei settori TCLF (tessile, abbigliamento, pelletteria, calzature): tutti i tipi e dimensioni di imprese, organizzazioni, parti sociali, fornitori di formazione professionale e di istruzione e autorità regionali/comunali. Insieme, si impegnano a sviluppare misure che affrontino le principali sfide nel riqualificare e migliorare le competenze della forza lavoro, creando così un ecosistema competitivo, sostenibile e resiliente.

I firmatari del Patto si impegnano a contribuire alla realizzazione di tali obiettivi, nei limiti delle loro competenze e capacità. A questo proposito, verranno promosse azioni collaborative per mobilitare nuovi investimenti.

I firmatari si impegnano a contribuire alla promozione del Patto per le competenze e potranno partecipare alle sue strutture di governance, che saranno istituite all’inizio del 2022.